fbpx
Home Storie L’ECONOMIA DI MONTAGNA CRESCE GRAZIE ALLE DONNE

L’ECONOMIA DI MONTAGNA CRESCE GRAZIE ALLE DONNE

by Marzia Bortolameotti

L’economia montana cresce anche grazie alle donne, in Trentino. In Val di Sole si contano, infatti, molte esperienze di donne che hanno saputo trasformare la loro passione in un lavoro. Lasciatevi ispirare da queste storie di donne che amano a tal punto le proprie radici, da saperne cogliere tutti i frutti.

OLGA COLTIVA LE STELLE ALPINE

Partendo dai fiori e dalle essenze montane, Olga Casanova (nella foto sopra con Nicoletta Andreis) realizza prodotti cosmetici di altra qualità, naturali e biologici. Grazie alle sue coltivazioni in quota di stelle alpine, arnica, timo e calendula, riesce a trasformarle in creme per la cura del corpo, naturali al 100%. Dal 2010, insieme al marito agronomo, ha creato un’azienda agricola biologica a Ossana e in Val di Pejo. In poco tempo le sue creme, dai mercati contadini, si sono diffuse in tutta Italia, grazie a passaparola e all’e-commerce.

NICOLETTA E IL SUO AGRITURISMO

Piatti della tradizione trentini, a km zero, dall’orto direttamente alla tavola, un’accoglienza genuina e sincera, fattorie didattiche per i bambini e tante attività per gli adulti. Tutto questo è l’Agritur Solasna, di Nicoletta Andreis, un’oasi di relax tra le montagne trentine. E non solo, per sensibilizzare genitori e figli, sul problema dell’obesità e sul beneficio di un insegnamento all’aria aperta, Nicoletta ha avviato, nel proprio agriturismo, una serie di corsi. I bambini vengono coinvolti nella produzione di formaggio e ricotta, nella semina e nella raccolta delle verdure.

Nicoletta Andreis

GIULIA E IL SUO AMORE PER I CAVALLI

Graziano Bontempelli, appassionato di cavalli, nei lontani anni 80, costruisce il Centro di Equitazione Alpina di Pellizzano, poi l’agriturismo e l’azienda agricola per produrre il buon latte di montagna. A lui, ben presto si affianca  la figlia Giulia. È lei a continuare la tradizione nella produzione del formaggio dalle due razze di mucche: la grigia alpina e la pezzata rossa. E neglI anni, l’Agritur Bontempelli diventa anche un punto di riferimento per esperienze didattiche e di ippoterapia.

EULALIA SPECIALIZZATA IN AUTOPRODUZIONE

La naturopata Eulalia Panizza è un’istituzione nell’alta Val di Sole. A Vermiglio, all’ombra della Presanella, si sviluppano le attività della scuola di montagna “Raggio di Sole”.  Qui vengono insegnate le attività di autoproduzione che sono state fondamentali nel dopoguerra per la sopravvivenza delle famiglie nei territori di montagna: la realizzazione del sapone, la fibra d’ortica che diventa tessuto, la preparazione della birra: sono solo alcuni degli insegnamenti che si possono scoprire.

FRANCESCA, GUIDA DI RAFTING

Il vigore e la potenza del fiume Noce è stato un richiamo irresistibile, per Francesca Leonardi.  Oggi, infatti, lei è la prima donna della Val di Sole ad essere in possesso di un patentino di 5° livello per guidare un gommone su qualsiasi tipo di fiume. E ha preso parte ai campionati del mondo di rafting.

Il Rafting

CLAUDIA E LA PASSIONE PER IL SUCCO DI MELA

Nella famiglia di Claudia, il succo di mela ha sempre fatto parte della tradizione. Ben presto, la cerchia di amici che veniva a prendere il succo da loro si è allargata. Da lì, l’idea di aprire un laboratorio vero e proprio che si è poi ampliato nel tempo. Con un punto fermo, l’azienda agricola Gustonatura ha sempre sposato il metodo biologico ed è certificata dal 2011. Nel tempo, la produzione si è ampliata ad altri prodotti naturali che vengono venduti in numerosi negozi della Val di Sole, on line e per conto terzi.

ILDA, LA SIGNORA DEL LAGO CORVO

Ilda Traforer è una “storica” tra i gestori dei rifugi del Trentino. Suo padre aveva deciso di costruire un rifugio a 2425 metri, vicino al Lago Corvo e ancora oggi, lei e la sua famiglia lo hanno in gestione. Raggiungere il Rifugio Stella Alpina è faticoso, ma ne vale la pena, e i turisti che ci passano concordano con lei: il panorama del gruppo del Brenta da lì è mozzafiato.

ZUZANA, L’IMPEGNO NEL SOCCORSO ALPINO

Prima come dottor clown con i bambini ricoverati in ospedale, poi nella Croce Rossa, oggi come una delle poche donne del Soccorso Alpino Trentino. Un’attività durissima (impone esami di mantenimento ogni 3 anni) ma che Zuzana Janovska, 36 anni, affronta con leggerezza e positività, anche a costo di qualche apprensione da parte dei suoi familiari.

Zuzana Janovska

LORENZA E IL SUO COLPO DI FULMINE PER LA MTB

Lorenza Menapace ha sempre amato lo sport, ma da quando i medici le hanno diagnosticato un serio problema ai legamenti, lei non si è data per vinta e ha scoperto la bici. Adesso ha 46 anni e gareggia ancora, ma soprattutto vince! Lorenza ha gareggiato in un’infinità di gare, con numerose vittorie e podi. Prima nelle gare di 24 ore e poi nelle marathon in alta montagna.

Lorenza Menapace

LE SEI REGINE DELL’ECOMUSEO 

Ci sono sei donne dietro alla creazione dell’Ecomuseo “Piccolo mondo alpino” di Celentino, piccolo borgo dell’incantevole Val di Pejo. Susanna, Elia, Aurelia, Maria, Rita e Monica che rendono possibile la gestione di un museo unico nel suo genere, nato per promuovere la cultura locale e valorizzare le peculiarità agricole e culturali della Val di Pejo. Veri angeli del focolare che diventano anche simboli di una comunità fiera.

 

You may also like