Week end nelle Dolomiti di Fassa

VAL DI FASSA (TN)

30-31 luglio 2022 

Categorie: ,

140,00

Disponibilità: 5 disponibili

ESPERIENZA

ferrata

N. PERSONE

5

DIFFICOLTÀ

medio

DURATA

2 giorni

Week end nelle Dolomiti di Fassa – Trekking e via attrezzata al Catinaccio d’Antermoia.

Due giorni di camminate nel Gruppo del Catinaccio con un pernottamento al Rifugio Passo Principe.

Un po’ di storia e contesto.

Siamo nel cuore delle Dolomiti di Fassa, il regno di Re Laurino e dei Monti Pallidi baciati dall’enrosadira. L’etimologia di questo termine è ladina (rosadura o enrosadora): richiama il fenomeno naturale, unico al mondo, che vede all’alba ed al tramonto cime, pinnacoli e guglie incendiarsi d’un colore rosso fuoco che vira poi dolcemente al rosa riflettendo (in modo dinamico, col trascorrere delle ore) la luce del sole che risalta particolarmente sul colore bianco della dolomia (di qui l’appellativo Monti Pallidi). La leggenda vuole che Re Laurino avesse proprio qui sul Catinaccio coltivato un suo splendido giardino di rose (Rosengarten): un giorno il principe del Latemar, incuriosito da questa magnifica e poetica vista di fiori, si inoltrò nel magico regno-giardino e vide così Ladina, una delle bellissime figlie di Laurino, se ne innamorò perdutamente e la rapì per sposarla. Disperato, Re Laurino mandò una maledizione verso quel suo giardino, colpevole di aver tradito la posizione del suo regno e di aver ammaliato il giovane: nè di giorno nè di notte, nessun occhio umano avrebbe potuto ammirare ancora cotanta bellezza. Ma l’ira del momento, gli fece dimenticare le fasi di alba e tramonto: e proprio per questo, ancor oggi, possiamo ammirare il fantastico Rosengarten nei suoi suoi magnifici colori esaltati dall’enrosadira. Proprio all’alba ed al tramonto.

NOTE.

La proposta è inclusiva di:

  • accompagnamento e assistenza tecnica al gruppo
  • organizzazione logistica nei Rifugi alpini convenzionati a condizioni dedicate;
  • serate intrattenimento nei Rifugi alpini
  • noleggio attrezzatura
  • gadget Montura e Calze GM

A carico dei partecipanti:

  • pernottamenti in mezza pensione (56 euro a persona)
  • spese ristori;
  • eventuali trasporti con impianti risalita (proposta Dolomiti di Fassa)
  • costo guida alpina (75 euro a persona)

AVVERTENZE.

Il programma week end Dolomiti di Brenta e Dolomiti di Fassa sono alla portata di qualsiasi persona con un minimo di allenamento ed abitudine alla montagna. Ovviamente è richiesta esperienza specifica a quanti intendano percorrere i sentieri attrezzati (classificati come EE nelle consuete graduatorie delle difficoltà). Chi affronta il programma alpinisti-vie ferrate potrà richiedere il noleggio dell’attrezzatura tecnica necessaria (imbrago, lounge, casco) al momento della prenotazione (scrivere a Marzia: [email protected]).

Si raccomanda di curare un funzionale abbigliamento da montagna avendo cura, nella preparazione dello zaino, di prevedere gli effetti personali (biancheria di ricambio), il sacco lenzuolo indispensabile per i pernottamenti in rifugio, una thermos e qualche genere di conforto individuale a piacimento (barrette, frutta secca ecc.), acqua. Da non scordare, infine, macchina fotografica e cappellino! Buona gita a tutti!

A portarci al rifugio, sarà l’accompagnatore di media montagna, Marzia Bortolameotti.
Per tutte le partecipanti è previsto un kit Montura e calze Gm.

­ Chi più alto sale,
più lontano vede.
Chi più lontano vede,
più a lungo sogna… ­

 Walter Bonatti

Nel dettaglio

Programma
30 luglio:

Ore 8: ritrovo con l’accompagnatrice di media montagna a Vigo di Fassa, piazzale stazione della Funivia Catinaccio, briefing e controllo dell’attrezzatura, risalita in funivia al Ciampediè (1.998 mt.).

Sosta caffè allo storico Rifugio Sat dal quale si  imbocca il sentiero nr. 540 che in circa 45 minuti, con percorso semi pianeggiante attraverso il bosco, ci porta nella bellissima conca di Gardeccia. Di qui si sale ancora in direzione dei Rifugi Preuss e Vajolet (2.243 mt.) avendo sulla sinistra alcuni luoghi simbolo del Catinaccio: la Valle dei Vajolet con le omonime Torri, l’imponente Gran Catinaccio e la Punta Emma (sentiero Sat nr. 546). E’ già visibile a questo punto la meta di giornata, in fondo all’imponente Valle del Vajolet (sentiero Sat nr. 584), il Rifugio Passo Principe – GrasleitenpassHuette (2.600 mt.) che raggiungeremo camminando per circa altre 2 ore in uno scenario spettacolare con un magnifico panorama su (alla nostra dex) cima Scalieret e cima delle Pope fino a raggiungere il Rifugio situato all’omonimo Passo Principe.

Il dislivello attivo di giornata sarà, a questo punto, di circa 700 metri, il tempo tecnico di camminata di circa 3 ore escludendo le soste.

ore 18.30: cena e serata caminetto con cenni sulla storia dell’alpinismo nelle Dolomiti con la guida alpina

Necessario per dormire in rifugio: sacco lenzuolo, effetti personali.

31 luglio:

Ore 8.30: controllo dell’attrezzatura tecnica e partenza dal Rifugio per la via attrezzata alla cima del Catinaccio d’Antermoia (3.002 mt.).

Dalla vetta, rientro in direzione della Valle d’Antermoia in vista dell’omonimo laghetto e del Rifugio.

ore 13: al Rifugio Antermoia sosta ristoro e rientro in fondovalle a Fontanazzo percorrendo il sentiero Sat nr. 580 attraverso la Val di Dona.

Note:
In caso di condizioni meteo avverse, il camp sarà posticipato.

Torna su
Cart
  • No products in the cart.